Il nuovo volto del Search Engine Marketing: 3 motivi per crederci

  • search engine marketing
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Il Search Engine Marketing ha sempre sotteso formule e dinamiche complesse, confermando ciò nonostante il suo rilievo primario all’interno del marketing mix. Uno strumento che ha capovolto le regole della pubblicità, che ha sempre spinto i professionisti del marketing e della comunicazione ad una rivisitazione delle proprie idee, per assecondare un progetto molto più lodevole e significativo.

In un periodo in cui ciascuno cerca risposte affidabili e sicure proprio nel mare di Internet, la chiave è comprendere che quanto ricercato nei motori di ricerca rappresenta l’inizio dell’esperienza di ricerca, un aspetto fondamentale nel ciclo di un potenziale acquisto di qualsiasi prodotto o servizio.

Ecco il nuovo volto della Search Engine Marketing, ecco delle nuove valide ragioni per crederci.

SEM search engine marketing in nuovo modello

SEM Search engine marketing basato su un modelllo query

  1. IL SEM ed il nuovo modello di query: informazione più legata al contesto

Il Search Engine Marketing si è sempre basato su un  modello di query profondamente imperniato sulle keywords.

E’ più che giusto, si tratta di uno stereotipo che siamo avvezzi ad usare -ed a ragione- da più di due decadi. Tuttavia le cose stanno cambiando, e il Search Engine Marketing sta già forgiando tecniche che puntano su  un modello di query radicalmente innovativo.

E ciò per dar voce ad una necessità che i motori di ricerca, se potessero prendere corpo ed esprimere con forza le proprie opinioni, annuncerebbero senz’altro più performante.

Ecco cosa risulta necessario scoprire: qual è l’aspettativa dell’utente, cosa sta cercando e, naturalmente, sulla base di ciò, trovare la migliore risposta.

Questo non significa che le keyword non abbiano più peso, no, non stiamo alludendo a questo.

Solo esse non bastano più.

L’illusione che le keywords incarnino la query va affrontata e, ragionevolmente, superata.

Sono già anni che i più grandi studiosi dei motori di ricerca spingono verso tale rotta, cercando di motivare e coinvolgere i più verso questo nuovo modo di fare marketing, un marketing più orientato al contesto.

Molti studiosi del web marketing suggeriscono di recente, con grande motivazione, l’analisi ed il vaglio delle possibili intenzioni di colui che si appresta ad effettuare una ricerca, quell’attenzione verso l’esperienza dell’utente già suggerita da Sergey Brin ben quindici anni fa.

In questo scenario ecco dunque una buona domanda: cosa dobbiamo aspettarci a questo punto? Una rivoluzione del modo di fare marketing?

Certamente no. Quello che il nuovo modo di fare Search Engine Marketing propone è solo di dare maggiore attenzione a tutti quei i possibili fattori che influenzano la personalizzazione dei risultati di ricerca.

Si tratta di investire le nostre risorse verso il contesto, verso tutto quello che una keyword può voler dire per le esigenze dei tanti, e non dedicarsi solo, in maniera esclusiva, all’aspetto performante che una keyword in sé e per sé può avere o assumere in un testo.

social media e sem

SEM e social media Marketing

  1. Il SEM cambia le regole del gioco: social media e link bulding

Chi di voi non ha compreso che i social media sono divenuti oramai il fulcro delle attività di marketing, alzi la mano. Forse quello che molti non sanno è come, però, essi abbiano altresì mutato le regole del gioco nell’ambito della lead generation e della fidelizzazione dei clienti.

Che i social signals abbiano assunto una posizione strategica anche nelle campagne di Serach Engine Marketing, non è certo una novità. Tanto è stato corroborato da diversi studi che hanno dimostrato una forte correlazione tra social signals e posizionamento delle pagine web nei risultati nelle SERP.

Questo impone una rivisitazione di tutte le campagne marketing, perché esse includano in maniera sempre più massiccia anche la creazione e gestione di community brandizzate sui vari canali social.

Questo comporta un aumento, di non poco conto, della mole di lavoro: bisognerà creare contenuti a 360 gradi, e, più in generale, costruire una strategia di content marketing mirata ed adeguata.

E’ difatti ormai dimostrato come i social signals permettano di portare traffico e click, fattori questi di rankings che i motori di ricerca hanno dichiarato utilizzare nei propri algoritmi.

Anche il modo di fare link building deve essere rivisto: credete davvero che in questo scenario di forti cambiamenti  ci si possa focalizzare su mere parole chiavi dedicate al prodotto?

No di certo, non è questo che la Search Engine Marketing vuole: è ora assolutamente necessario recuperare link da risorse naturali che contemplino keywords connesse al brand ed al prodotto.

Tutto assume, anche in questo caso, un nuovo assetto, si all’analisi ed all’utilizzo di parole chiave, ma solo se contestualizzate.

co marketing

Nuova frontiera della lead generation nel SEM

  1. Co-marketing: nuova frontiera della lead generation nel SEM

Generare traffico diretto alle pagine di un sito web è sempre stato a fondamento del Search Engine Marketing.

La pianificazione di un’azione completamente misurabile e tracciabile rappresenta un sine qua non di ogni campagna che miri ad ottenere risultati tangibili.

Per arrivare ad individuare un insieme di clienti che nutrano un concreto interesse verso prodotti o servizi di un’azienda, è necessario condurre una selezione di chi abbia una reale e concreta propensione all’acquisto. Questo è alla base di ogni formula vincente di lead generation. L’attenzione si è di recente soffermata sui social media che rappresentano, infatti, un ambiente in continuo fermento, oltre che una svolta nel tradizionale modo di fare marketing.

Tuttavia, ciò non basta.

Il nuovo volto del Serch Engine Marketing punta su un’attività completamente nuova: il co-marketing.

Di cosa si tratta esattamente? Si tratta di un’originale forma di scambio di leads, una collaborazione tra i fornitori complementari verso il conseguimento di un risultato comune: la promozione di prodotti e servizi, o, più in generale, di un’attività che risulti reciprocamente favorevole e fruttuosa.

Massimizzare i risultati, ottimizzare i costi, innalzare il valore offerto e la customer satisfaction: ecco solo alcune delle possibilità connesse all’attività di co-marketing.

Ma, come per qualsiasi risultato che si rispetti, il lavoro richiesto per il conseguimento di tale obiettivo è notevole: analisi del mercato, definizione strategica di specifici accordi, utilizzo di nuovi canali e circuiti specializzati, capacità di coordinamento e perpetua osservanza delle regole del gioco. Ma ogni sforzo profuso, verrà ampiamente gratificato, vale davvero la pena provarci.

 

Urge dunque pianificare una campagna di keyword advertising che aiuti promuovere prodotti, servizi e brand proprio partendo da questo presupposto.

Ecco il nuovo volto del Search Engine Marketing  dunque: controllo totale del target, della spesa, del rendimento degli annunci pubblicitari e del ROI, ma con un’attenzione particolare a colui che annaspa nelle acque di Internet.

E se per farlo occorre rivisitare o capovolgere completamente l’intero assetto del web marketing, mettere in discussione tutto il nostro lavoro di analisi e ripartire da zero, facciamolo, perché in gioco c’è tutto il nostro potenziale di crescita.

Per farlo potrai avvalerti dell’ausilio di validi professionisti, che hanno da tempo fatto proprie le nuove regole della SEO e del SEM. Per saperne di più consulta la presente pagina.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
novembre 29th, 2014|Categories: ottimizzazione sui Motori di Ricerca, web marketing|